Tag Archives: Ancien Régime

Il Tuo Fottuto Free Download – Ancien Régime

28 Gen

di Clara Natale

La musica risveglia i sensi. Per alcuni non è fatta solo di note. Per alcuni, fa viaggiare nel tempo. Saltare tra pensieri contorti e deliranti. Percepire sensazioni mistiche e inaspettate. La musica non è solo musica. Ti fa ascoltare non solo con le orecchie. E vedere al di là di quello che gli occhi non riescono a fare. È questo ciò che da sempre mi hanno trasmesso gli Ancien Régime, da novembre  con un nuovo lavoro dal titolo “The Position”. Finalmente sono riuscita a vederli live e l’impatto è stato come mi aspettavo. Un cocktail di sonorità passate che evocano la scena wave e synth-pop ‘80s. Quasi come se fossero state ripescate – non a caso – da una scatola di vecchi vinili impolverati e graffiati dal tempo. Un progetto a tutto tondo, il loro, che ingabbia non solo il concetto di musica, ma anche quello di estetica e grafica. Un loro live ti proietta in qualche club di Manchester dai colori cupi e ovattati dal fumo e ti regala un’esperienza che, ribadisco, ha il potere di sviluppare i sensi.

Ora la parola a loro.

Ancien Régime

 “Cosa volete trasmettere con la vostra musica?”

L’obiettivo di base da cui partiamo, soprattutto in fase di composizione, è piuttosto “cosa vogliamo comunicarci” l’un l’altro.
Una volta avvicinati all’atmosfera che vorremmo evocare, proviamo a dare all’idea grezza una forma secondo la quale tutti gli impulsi siano intellegibili anche a terzi. Credo che ogni progetto musicale sincero abbia come fine quello di mettersi a nudo a 360° nella speranza di creare – solo in un secondo momento – empatia in chi ascolterà.
Per quanto ci riguarda, l’idea di aver partorito una canzone in cameretta a Roma e vendere qualche mese dopo un vinile a Tokyo o in Messico, riuscendo quindi a stimolare la sensibilità di un ragazzo che vive dall’altra parte del mondo, è la massima soddisfazione.

“La musica, per ognuno di voi, quanto è fottuta e alternativa?”

L’idea di quale e quanta musica sia alternativa o meno è una questione molto scivolosa, nella quale forse è meglio non addentrarsi, visto che è una faccenda più grande di noi. Noi ascoltiamo anche molta musica considerata mainstream e, inconsapevolmente, forse ne subiremo anche influenza.
La musica è fottuta nella misura in cui devi fare una fatica fisica più provante di quanto si creda tra scaricamenti di amplificatori e strumentazione, tempo da dedicare e sacrificare, rapporti con persone vicine che si perdono, scariche di adrenalina e sensazioni emotivamente molto aggressive nell’esecuzione live. Ma, come in ogni aspetto della vita, con un po’ di distacco si riesce a gestire tutto questo, se credi ne valga la pena.

Scarica qui Outer Space

15.11.2012 Ancien Régime – The Position | Release al Circolo degli Artisti

18 Ott

Sono andato a rivedere l’ultima volta che un gruppo di Roma ha suonato da headliner a La Tua Fottuta Musica Alternativa.
Non ho trovato la data precisa, ricordo solo che era l’aprile del 2010. Questo perché volevo portare nella mia città cose fighe che altrimenti non sarebbero mai venute.  Cose nuove, fresche, diverse, migliori.
Ora, se dopo 31 mesi torno a far suonare da headliner sul nostro palco un gruppo della nostra città, un motivo ci sarà. Infatti c’è.

Arrivano gli Ancien Régime con il loro primo disco The Position e io l’ho ascoltato. Credo di essere stato tra i primi ad ascoltarlo.
Questo disco, più di ogni altro forse, può essere definito un parto: cinque registrazioni di basso, due di batteria, tre studio coinvolti.
Il risultato è un disco bello, forse bellissimo, che soprattutto suona diverso. Diverso e unico. Gli Ancien Régime fanno wave, ascoltano pop, adorano il nero ma alla fine sono gli Ancien Régime. Non scimmiottano nessuno, semmai apprendono e reinterpretano.
Non voglio premiare i gruppi emergenti, neanche i gruppi italiani o romani per partito preso. Voglio premiare un gruppo nuovo con un disco nuovo. Come questo.
15 Novembre, non avrai altra Circolata all’infuori di me.