Half man half hating

10 Set

di Edoardo Biscossi

Diamo per assunto che una volta che un contenuto è condiviso da Repubblica.it, equivalga, in termini web, ad un reperto archeologico, dunque cosa fare di fronte a chi crede che “Dads are the original hipsters” sia ancora in ciclo virale? Cosa di fronte a chi, sull’impulso che travolge da tempo la nazione di fare umorismo sugli hipsters a tutti i costi, pretende di raffigurarne uno abbinando grossolanamente una kefiah ad occhiali con montatura grossa?

Purtroppo la democraticità dell’accesso ai contenuti online non permette di interdirne la fruizione a chi non ha i mezzi per comprenderli e il liberale che è in me dice che questa è cosa buona e giusta, ma scempio è stato fatto dell’umorismo sugli hipster, c’è chi ha condiviso Adolf Hipster quest’anno credendo di “stare sul pezzo” e c’è chi, sempre in pieno 2012, ha creduto di trovarsi di fronte a del materiale promozionale con un qualche potenziale in termini di hipness guardando un’immagine con un triangolo o una foto in stile instagram e, diavolo, c’é chi utilizza la stessa parola hipster come un aggettivo. Molte altre cose orrende sono accadute dopo che il vocabolo è stato dato in pasto ad una moltitudine che fino ad allora si era semplicemente limitata al confuso abuso di termini come “finto intellettuale” o che so io.

Non é la prima strage del web, è successo molto tempo fa con la cultura nerd (per molti oggi vero e proprio sinonimo di “cool” o “simpatico” ignorandone le connotazioni più inquietanti e agorafobiche), è successo con la traduzione in italiano dei memes (la cui liberalizzazione è stata una tragedia virtualmente paragonabile all’olocausto), è ciò che è accaduto nella cultura di massa con lo stupro collettivo del significato del termine radical chic.

La battaglia è ciclicamente persa, oltre perché non è una battaglia che sia possibile combattere con armi di alcun tipo, ma molto può esser fatto e questo “molto” è ciò che si è fatto autentico motore delle vite di molte persone, questo molto è l’hating: date addosso a chi fa della comunicazione online vergognosamente middlebrow, lanciate insulti, fatevi dare degli invidiosi e dei frustrati, fatevi dire che non capite e che siete polemici e pretestuosi. Fatelo per tutto ciò che è bello, fatelo per chi scrive un pezzo sulla mercificazione e conseguente elevazione a feticcio di un brand/artista, fatelo per chi è mezzo uomo e mezzo biscotto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: