First Condition

17 Apr

Il primo giorno che ho imparato cosa significasse omologarsi è stato quando ho indossato il grembiule. Mi chiedevo come mai dovessimo distinguerci in maschi e femmine. Ho anche chiesto in giro, ma nessuno mi ha voluto svelare l’arcano.

La prima volta che ho provato dolore è stato quando sono caduta faccia a terra sull’asfalto, scorticandomi il ginocchio. La sofferenza vera era ascoltare le risate dei bambini dietro di me.

La prima volta che ho provato il significato di autoironia è stato due minuti dopo, quando i miei amici hanno teso le loro mani per farmi alzare e io ci ridevo sopra, con le finestrelle al posto degli incisivi completamente aperte.

Il primo giorno di libertà è stato mettermi su un treno con la persona più importante della mia vita, zaino in spalla, della serie quattorcioreditrenoenonsentirle.

© Martina Sanzi

Il primo dissapore è stato riconoscere di non essere superman. E’ stato più o meno quando ho realizzato che il trofeo di Natale mi regalava quell’anno una medaglia di bronzo.

La prima volta che ho provato curiosità è stato quando ho poggiato le mie mani su un pezzo di legno lavorato e levigato, alla quale sono tese delle corde che se le tocchi vibrano. La vibrazione finisce in una buca, ed è tutto inebriante allora.
Credo di essere drogata di prime volte. Oggi ho scoperto che anche le seconde volte sono speciali, perché sono le prime volte della prima volta.
Credo che tutte le nostre esperienze non siano altro che una grande spirale che non si chiude mai, neanche quando smettiamo di esistere.
Quel che vi propongo è il mio brano spiralitico, che mi fa pensare a quant’è bella Parigi d’estate, quanto son belli i concerti d’inverno (lo scontro tra pogo e birra ti fa apprezzare in maniera significativa questi eventi) e a quanto sia bello ridere e piangere per lo stesso motivo.
Robin Allender ‘Here nor There’

Martina Sanzi

Advertisements

Una Risposta to “First Condition”

  1. icittadiniprimaditutto aprile 17, 2012 a 12:01 #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: