Atlas Sound

12 Apr

Lunedì, ore 9: Buongiorno amore. Sto per uscire. Ho fatto colazione ascoltando Parallax, che è proprio un discone, tra l’altro con poteri taumaturgici non indifferenti- decisamente più efficaci del caffè che ancora tarda a fare il suo lavoro(ho sonno). Anche perché, visto il periodo, c’è proprio bisogno di una cura, invasiva sì, per allentare la cravatta quando il nodo è troppo stretto, se capisci cosa intendo. Ci sentiamo dopo, intanto buon lavoro. Non ti stancare troppo.
Martedì, ore 15: Che fai? Lavori? Se mai ti annoiassi ti allego un live di Atlas Sound. Il signor Cox ha gambe lunghissime e braccia lunghissime e non ci mette niente ad arrampicarsi ed entrarti nel cuore.
Mercoledì, ore 19: Tornato a casa? Mi ci porti a Barcellona quest’estate che suona Atlas sound?
Giovedì, ore 22: Sono stanchissima. Ma l’hai sentito il disco che ti ho consigliato o no? Scaricatelo cosi lo ascolti per bene, poi lo metti nell’i-pod e poi facciamo un bel disco per la macchina. Con la primavera ci sta una cifra bene.
Venerdì, ore 24:
Te amo. I’ll pretend you were the only one
And we will go to sleep
And we’ll have such strange dreams
You can come around
When you’re down
You’re always down
You’re always down

Sabato, ore 4: Tornato a casa sano e salvo? Non riesco a dormire, quindi scrivo. Scrivo che vorrei partire, guardare fuori dal treno il paesaggio che cambia, confondermi le idee con i colori e scordarmi di tutto il resto. Vorrei dormire in un cuscino che odora di nuovo e sperare che te sia li con me, guardarti che mi porti un bicchiere d’acqua al letto, perché fa caldo ed è ora di alzarsi. Il disco che ascolto sta finendo, inutile dirti di cosa si tratta. Sono già passati 48 minuti, provo a spegnere tutto, magari il buio aiuta. Te dormi bene e svegliati meglio.
Domenica, ore 14: Ancora dormi? Visto che sicuramente ti sei dimenticato, ho fatto il cd con Parallax; è già nella borsa. Sbrigati a svegliarti, prendi la macchina e vieni qua, che oggi usciamo cosi diamo il benvenuto che si merita a questa primavera di merda.

Giulia Nardi

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: