Pubblico e privato mentre me ne sto sdraiato

20 Dic

Sono arrivato a quel punto della vita in cui sento l’inutilità del prendere posizione.
Non è apatia, ma semplice consapevolezza.

Consapevolezza che qualsiasi sia la tua vera essenza, le persone di te avranno sempre un’immagine e una sola – non importa quanto tu provi a cambiare o (dio!) quanto tu stia riuscendo a cambiare -, alimentando tra l’altro anche lo scoramento per tutti gli sforzi.

Ecco: oggi come non mai bisognerebbe liberarsi del concetto di immagine.
Buttarlo dalla finestra della società: anche perché come fai a controllare l’immagine che di te hanno gli altri?
Credo fottendosene degli altri, essendo fortemente sé stessi.

Ma se poi questo portasse a una sorta di terribile egoismo simile all’autobiografismo, quel continuo “io…io…io” che sentiamo in tremila discorsi?
Egoismo che è poi anche l’indicatore principale per riconoscere una persona ossessionata dall’immagine che trasmette agli altri.
E rieccoci da capo.
Fottuti, ma non dalla musica.
Da noi stessi. E dagli altri

Andrea Macrì

Una Risposta to “Pubblico e privato mentre me ne sto sdraiato”

  1. icittadiniprimaditutto dicembre 20, 2011 a 11:32 #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: