L’angolo del Micione: “Eppure sembrava apposto. Era un ottimo vicino”

11 Dic

Sono un eterno incostante, inizio mille cose e poi ne finisco zero. Come con l’angolo del Micione. Ecco come giustificherei la mia assenza da questi lidi.

La verità?

Ho una vicina di casa particolare. Passa buona parte dei suoi pomeriggi ad urlare “basta” come se fosse impossessata dallo dimonio. E’ esasperata da quello che lei stessa chiama “un attacco senza ritegno alla quiete pubblica”.
“Non so più come fare, vi denuncerò tutti quanti. E’ insopportabile tutto questo. Non c’è pomeriggio che io possa passare in tranquillità. Ora veramente basta.”

Sono stati coinvolti avvocato, amministratore, un rappresentante a famiglia per i nuclei incriminati. E infine un perito. Che dovrà stabilire se il fatto sussiste o meno.

Il perito si recherà nel consorzio dove vivo (oasi protetta di fronte Tor Bella Monaca chiamata Torre Gaia) e farà di tutto per accertarsi che il gravissimo reato in questione non è frutto della fervida immaginazione della nostra cara vicina.
Il perito è arrivato. Ha svolto il suo lavoro nel migliore dei modi. Ora possiamo affermare senza ombra di indugio che i cani abbaino.

Consiglio del Micione: aspetta il momento giusto per dire la cosa giusta.

Claudio Gatta

Una Risposta to “L’angolo del Micione: “Eppure sembrava apposto. Era un ottimo vicino””

  1. icittadiniprimaditutto dicembre 11, 2011 a 11:00 #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: