I miei idoli sono come governi caduti

12 Nov

Io ho sempre adorato i Diaframma.
La poesia e la cazzonaggine romantica di quelle canzoni semplici, ridotte all’osso del cuore (anche se il cuore non ha ossa), mi ha sempre ricordato cos’è che conta.
E sempre senza impormelo (un abbraccio difficilmente ti viene imposto).

La politica, invece – in questi giorni in cui si fa un gran parlare di politica -, non mi ricorda (come dovrebbe) le cose che contano.
È diventata più un “per quale merda tifare”, piuttosto che “Quale roba è importante” (se avessi tradotto ‘ste frasi in slang di Baltimora sarebbero suonate molto più fighe).

Ma tant’è.
Cosa conta è quel che mi dicono i Diaframma, e sta di fatto che i Karibean me li ha suggeriti proprio Mr. Diaframma, Federico Fiumani, linkandoli su Facebook.
In tempi di immaterialismo consumistico da finti ribelli, i ribelli veri sui social network sono come dei governi caduti.
Meglio: dei governi-ombra, che ti sussurrano dolcemente (ma pubblicamente) cos’è meglio per te, rispetto a quel che vuole il governo vero.

Inforcate gli occhiali da sole e morite di freddo.

Andrea Macrì

2 Risposte to “I miei idoli sono come governi caduti”

  1. poemonapage novembre 12, 2011 a 21:30 #

    Ahahahah! Adoro questo post! (e anche questo postO)😉

    Anch’io ho scoperto i Karibean così!!! E Federico Fiumani lo amo da anni, ormai… appena hai parlato di “osso” del cuore, la mia mente bacata ha collegato (tramite libera -liberissima- associazione) l’immagine al verso “l’amore segue i passi di un cane vagabondo”… il cuore mi ha fatto pensare all’amore e l’osso mi ha fatto pensare al cane… e il tutto mi ha fatto pensare ai Diaframma.

    Sì, lo so: sono contorta.

    E poi c’è anche una canzone di Fiumani che parla troppo di me… “L’idea di Paola”… solo che io sono lui, e il mio lui è Paola…
    (te l’avevo detto che sono contorta!)

    Un bacio,
    Paola (no, non è un alter ego – è il mio vero nome)😉

    • andreamacri85 novembre 27, 2011 a 19:49 #

      Beh, forse i Karibean e i Diaframma sono solo l’ennesimo esempio del “ponte gettato tra solitudini” che rappresentano tutte le cose che ti fanno dire: “Anch’io…”.
      Quanto a Fiumani, i suoi dischi dovrebbero spararli da enormi casse nei bagni di Montecitorio, tra una sveltina e una striscia.

      A.M.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: